Area Riservata


Accedi
Registrazione
Richiesta informazioni
  • Totale sessioni attive: 243
  • Utenti autenticati: 0
  • Visitatori: 243




Ultimo sondaggio:

Forum:

 

Liceo Scientifico

 

 

 

Liceo Artistico

 

 

 

 

 

 

 

Il nuovo Campus


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

Salva

Salva

Proiezione del corto "Una Mela al giorno"

 

Proiezione del corto "Una Mela al giorno"

 

I nove adolescenti di Quartu, nella foto con la coordinatrice del progetto,

sono i protagonisti del film interamente girato in città.

 

UNA MELA AL GIORNO, regia di Emanuela Cau, è il nuovo cortometraggio che Abaco, associazione per le Arti e produzioni cinematografiche, ha prodotto col Patrocinio del Comune di Quartu Sant’Elena, Ass. Politiche dello spettacolo, tradizioni popolari e lingua sarda. Il film è stato presentato in anteprima per la stampa nella Sala Consiliare del comune martedì 18 alle ore 11, e sempre martedì ma alle ore 19 per il pubblico con ingresso gratuito. La presentazione del film è stata a cura di Antonello Zanda. Il film, che ha come protagonisti 9 adolescenti di Quartu, conferma la vocazione dell’associazione per un cinema giovane, che valorizza professionisti sardi come registi, tecnici e attori di talento, ma anche giovanissimi che si avvicinano per la prima volta al mondo che produce immagini e storie.

Il laboratorio

Il progetto UNA MELA AL GIORNO è stato realizzato con ragazzi dai 14 ai 20 anni, due dei quali con disabilità, tutti provenienti dalla città di Quartu. Dopo una prima fase di selezione, i ragazzi protagonisti sono stati ammessi ad un laboratorio di recitazione completamente gratuito. Abaco ha fatto una scelta importante, quella di realizzare il laboratorio non nelle scuole, ma all’esterno, in collaborazione con il Liceo classico e scientifico Brotzu di Quartu, con l’appoggio del Preside Luciano Carta e alcuni insegnanti. Il risultato è stato vincente, sono stati selezionati 9 ragazzi fortemente motivati. A partire dal 28 aprile 2007 si sono immersi con entusiasmo nel laboratorio ospitato nei locali della scuola elementare 3° circolo di Via Alghero, grazie alla collaborazione con la maestra Mariuccia Ferinu e alla Direttrice A. Sanna. Il cinema ha aperto le porte ai giovani attraverso artisti-docenti di esperienza riconosciuta in campo cinematografico. Prima fra tutti Emanuela Cau, (la protagonista femminile del film "Pesi leggeri" di Enrico Pau) attrice, regista e sceneggiatrice di UNA MELA AL GIORNO. Lei ha guidato la fase di adattamento della sceneggiatura che è stata riscritta in collaborazione con i ragazzi in base ai loro caratteri. Lo studio dei personaggi è stato, per loro, il più stimolante ma anche il più difficile, perché richiede spontaneità come nella vita di tutti i giorni. Poi le prove delle scene e lo studio delle tecniche di recitazione. Altri insegnanti si sono alternati a completare la preparazione dei ragazzi, fra cui Rosalba Piras docente di recitazione e attrice, nonché coordinatrice del progetto.

 

La trama

Il corto ritrae una banda di ragazzi che irrompono furtivi nelle case, e dopo aver rovistato dappertutto fuggono al segnale del loro complice che fa da palo, disperdendosi poi velocemente per le strade della città, appena in tempo prima che rientrino i proprietari. In ogni casa lasciano una mela, segno inequivocabile del loro passaggio. Durante il film si scoprirà lentamente qual è lo scopo di tali insolite visite. I ragazzi hanno un obiettivo: aiutare alcune persone con difficoltà come un ragazzo down che vive da solo, oppure una vecchia fruttivendola di 85 anni.

 

Le riprese

Gli attori, giovani e non, si sono immersi nella storia e hanno stretto forti rapporti di amicizia. Sul set anche spazio ai diversamente abili e agli anziani. E’ il caso di Enrico, ragazzo down con un vivace approccio alla macchina da presa, e Francesca, sul set in sedia a rotelle a causa di un intervento chirurgico. Zia Barbara, invece, 85enne, nei panni di una fruttivendola, ha lavorato sul set con un’energia da fare invidia a tutti. La troupe, formata da professionisti come Marco Gallus (aiuto regista e operatore), Davide Mura (scenografo) e Davide Melis (fonico) Salvatore Aresu (costumista), ha condiviso coi ragazzi la fatica e il divertimento per le decine di ripetizioni di ogni scena, le attese per i cambi di scenografia, le pause pranzo al sacco, le bevute d’acqua durante le riprese in esterno sotto un sole cocente, gli spostamenti nelle varie locations". Il progetto è stato un bel momento d’ incontro e solidarietà fra persone, che si è manifestato in pieno quando Francesca (17 anni), durante le riprese, ha dovuto subire un importante intervento chirurgico a una gamba. Tutti insieme, dalla produzione agli attori, hanno deciso di non sostituirla, nonostante le inevitabili maggiori spese. Le riprese sono state sospese per due settimane, pur di averla nel cast.. La regista Emanuela Cau ha modificato la sceneggiatura per consentirle di tornare sul set, anche se convalescente e in sedia a rotelle, e lei ha recitato con grande entusiasmo. Particolarmente importante è stato il coinvolgimento dei genitori e familiari dei ragazzi che hanno collaborato sostenendo i loro figli impegnati sul set e nella scuola.

 

L’ambientazione

Una mela al giorno è stato ambientato in varie parti della città di Quartu, dall’esterno del mercato civico, alla piazzetta de Sa domu e farra, dalla casa campidanese di via Carducci ( sede dello storico gruppo folk Città di Quarto) alla piazza Sant’Elena. Case di privati sono state messe a disposizione, come quella di Augusto Pau e Olinda Piras, e si sono trasformate in set cinematografici. La partecipazione attiva ed entusiasta degli abitanti di Quartu e il sostegno di alcune attività commerciali hanno reso più semplice la realizzazione del film. Molti artisti come Rosalba Piras (attrice e regista dello Stabile Akroama) , Tiziano Polese (Direttore artistico di Abaco), Franco Saba (Musicista-attore e presidente di Abaco), lo scenografo Davide Mura, l’attrice Carla Orrù, la pedagoga Mariangela Sannita, hanno lavorato al progetto con entusiasmo, rinunciando alle loro spettanze . Infatti Abaco ha scelto di lasciare invariato il progetto nonostante il budget ridotto. Il contributo del Comune di Quartu è stato determinante per la realizzazione del film, che ha ottenuto anche due importanti sponsorizzazioni, da parte del centro di produzione LUCIDOSOTTILE che realizza spettacoli, video e manifestazioni di grande interesse in Sardegna e in penisola e del Centro benessere THALASSOS di Quartu. UNA MELA AL GIORNO parteciperà a vari concorsi nazionali.

per approfondimenti >>>   SpettacoloSardegna.it
 




 Scrivi alla Redazione  Versione stampabile  Invia questa pagina